Lo chef italiano amato da tutta Beverly Hills

Giacomino Drago arriva a Los Angeles all’età di 16 anni per lavorare nella cucina del ristorante di suo fratello. Dopo alcuni anni di gavetta, Giacomino si sente abbastanza pronto per lanciare un proprio ristorante, Il Pastaio. Oggi Giacomino possiede nove ristoranti nella zona di Los Angeles, ognuno con un concept diverso. Abbiamo il piacere di fargli alcune domande:

1) Nove parole per presentarti.
Sono uno chef con la passione per le materie prime.

2) Qual è l’episodio che ha dato vita alla tua passione per il cibo?
Sono cresciuto a Galati Mamertino, un piccolo villaggio sulle colline siciliane, ho visto mia madre coltivare tutto il cibo che mangiavamo. Allevava le galline, coltivava la verdura, cucinava la conserva di pomodoro per l’inverno e produceva formaggio e vino. Era normale per noi bambini aiutare a preparare i pasti, e così lì ho imparato, fin dalla più giovane età, la gioia di preparare un pasto in famiglia.

3) Che cosa significa per te essere uno Chef italiano all’estero?
Gli americani adorano la cucina italiana. La amano. E’ una sensazione meravigliosa cucinare per una soddisfatta, così come un sofisticata e competente, clientela.

4) Qual è la ricetta italiana che più ti rappresenta?
I nostri clienti a Beverly Hills, per la maggior parte, piace mangiare sano e rimanere leggeri. Qui, piace il Branzino, insalate che includono rucola e carciofi, amano anche le nostre paste fresche.

5) I tre prodotti Made in Italy indispensabili per la tua cucina?
Olio extravergine d’oliva, pomodoro e farina.

6) Chi cucina a casa tua?
Ogni volta che riesco a passare un po’ di tempo a casa, mia moglie fa del suo meglio per preparare qualcosa per la famiglia.

7) Qual è secondo te il più grande luogo comune degli stranieri sulla cucina/sul cibo italiano?
Che è tutto solo pasta e pizza. Naturalmente, ora che molti americani hanno viaggiato per l’Italia, devono capire la cucina ricca e variegata della nostra cultura italiana.

8) Quali sono i tuoi progetti futuri?
Mantenere ciò che abbiamo e cerchiamo di fare meglio; Forse l’apertura di un altro ristorante. E c’è il progetto in corso che attualmente lavoriamo con il museo Petersen.